Iponatremia – Danni per diagnosi errata o errore medico

Il sodio

Le funzioni del sodio nell’organismo sono molteplici e importanti. In primis regola l’osmolarità del sangue,

richiamando negli interstizi tissutali la giusta dose di acqua, senza la quale i tessuti non verrebbero idratati a sufficienza;

regola un meccanismo di scambio tra le cellule e il plasma,

inoltre è il responsabile dell’equilibrio acido base ed è fondamentale per la trasmissione degli impulsi nervosi.

Questo importante elemento viene assorbito in una zona dell’intestino detta ileo ed è escreto con le feci e con il sudore.

Una giusta concentrazione di sodio è garantita dal rene e da alcuni ormoni steroidei secreti dalle surrenali come l’aldosterone, lavasopressina,

l’ormone antidiuretico plasmatico (ADH) e il peptide nutriaretico atriale.

L’ormone antidiuretico ADH è coinvolto nell’asse ipotalamo-cortico-diencefalico,

quello che regolarizza i ritmi circadiani del sonno veglia. Viene prodotto soprattutto durante la notte,

aiuta il riposo limitando lo stimolo alla minzione e la sete.

L’ipersecrezione di questo ormone è causa del diabete insipido.

È fondamentale che il bilancio del sodio non sia eccessivo o difettoso,

in entrambi i casi le conseguenze potrebbero essere spiacevoli e/o anche mortali.

La concentrazione ottimale è tra 135 e 145 mmol/L.

L’apporto quotidiano dovrebbe aggirarsi tra gli 0,6 e i 3,5 gr, ma le RDA americane ne prevedono un po’ meno (0.5/2.3 gr/die).

L’iponatremia

Valori alti di sodio nel sangue (Ipernatremia) possono essere causa di ritenzione idrica e ipertensione arteriosa,

e alla lunga determinare uno scompenso cardiaco.

Spesso è la conseguenza di un’eccessiva perdita di liquidi o di una dieta troppo ricca di sali di sodio.

Nel caso contrario, quando la concentrazione elettrolitica raggiunge livelli troppo bassi (Iponatremia),

le conseguenze possono andare dall’anoressia alla nausea, al vomito, tachicardia, ascite, convulsioni, fino ad essere causa di coma e morte.

In genere anche le cause sono da ricercare in eventi importanti come:

– insufficienza epatica, cirrosi, nefropatie;

– insufficienza della surrenale (morbo di Addison), ipersecrezione dell’ormone antidiuretico, insufficienza della tiroide;

– diarrea grave;

– tossicodipendenza da ecstasy;

– insufficienza cardiaca congestizia;

– sudorazione eccessiva;

– ipovolemia secondaria all’assunzione di diuretici;

– iperglicemia, diabete, deficit di mineralcorticoidi, ustioni estese, dieta iperlipidica, diarrea, vomito, pancreatite, ipovolemia secondaria a polidipsia.

È tipico il caso di un’atleta morta durante la Maratona di Boston dopo avere ingerito 15 litri di acqua (intossicazione da acqua) in sei ore.

Bere acqua povera di sodio (di sali minerali in generale) a seguito di una già consistente perdita di elettroliti secondari ad uno sforzo fisico,

diluisce ulteriormente il sangue e di conseguenza la concentrazione di sodio.

La sete aumenta nonostante l’ingestione di acqua leggera, ma il sodio ematico cala ulteriormente.

Sintomi

I sintomi sono vari e comprendono:

– sete incontrollabile (polidipsia);
– sonnolenza insistente;
– mal di testa;
– tachicardia;
– ipotensione;
– ascite (ritenzione idrica addominale, tipica della cirrosi);
– allucinazioni;
– convulsioni;
– crampi muscolari;
– epilessia.

Tempistica d’intervento e danni da scarsa o impropria terapia

Tali sintomi vanno interpretati nel contesto e a meno di patologie già note, può risultare difficile relazionarli all’iponatremia.

Essendo in sè sintomi comuni a molte altre patologie anche più ricorrenti, è prassi medica l’immediata misurazione dei livelli sierici degli elettroliti.

Se l’iponatremia viene trattata in modo tempestivo e adeguato,

è risolvibile in pochi minuti ma un errore o un ritardo diagnostico possono arrecare gravi complicazioni cerebrali,

a carico renale, del cuore o anche a morte dell’individuo in poche ore.

Il paziente va attentamente monitorato, specialmente se non se ne conosce la storia clinica.

Somministrare sodio potrebbe non bastare in presenza di una delle patologie sopra descritte e i livelli serici potrebbero diluirsi nel giro di qualche ora.

È prassi dunque in presenza di iponatria, trattenere il paziente in osservazione per 12/24 ore,

nel frattempo approntare un’anamnesi completa dalla quale si possa stabilire la casualiità dell’episodio o la conseguenza imputabile ad altra patologia.

Terapia

In presenza di uno o più di questi allarmi biologici, rimane poco tempo a disposizione per somministrare soluzioni saline ipertoniche,

praticare restrizione idrica, terapia ormonale a base di steroidi e litio in caso di morbo di Addison. In caso di disfunzioni dell’ormone antidiuretico (SIADH),

il farmaco di elezione di ultima generazione è il tolvaptan.

Bere acqua leggera, povera di sali di sodio e una dieta iposodica sono in generale buone abitudini e in determinate patologie costituiscono una vera e propria terapia,

ma la carenza di sodio magari dovuta a carenze metaboliche secondarie ad altre patologie o abitudini di vita errate,

può rappresentare un vero pericolo per la salute.

È bene dunque anche in previsione di una dieta iposodica magari intrapresa solo per dimagrire la silouette, avvisare il proprio medico.

Ottieni assistenza per ottenere il risarcimento danni

Nome Cognome *

Indirizzo

Città *

E-mail *

Telefono/Cell. *

Dettagliata descrizione caso *


Autorizzo privacy

Ti potrebbe interessare anche:

Danni da By-pass alle Coronarie

Ernia del disco – Errore medico per errato intervento o diagnosi

Infiltrazioni epidurali di steroidi – Benefici ed errori medici

Rachicentesi – Possibili errori del medico e risarcimento

Ascesso epidurale spinale – Danni per malasanità

Laminectomia – Errore medico per errato intervento

Cauda Equina – Trattamento, diagnosi errata ed errore medico

Epilessia – Danni per diagnosi errata o errato trattamento

Encefalite – Danni per diagnosi errata o errato trattamento

Chirurgia plastica del viso – Lifting

Risarcimenti-Online.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *