Errore da Chirurgia Plastica ed Estetica

Errore da Chirurgia Plastica ed Estetica

E’ utile fare chiarezza su cosa sia la chirurgia estetica e su quale sia esattamente la prestazione richiesta al medico operante: su tali definizioni viene modulata la responsabilità del chirurgo estetico in termini di risarcimento del danno.

Il paziente stipula con il chirurgo estetico un vero e proprio contratto e l’operazione altro non è che la prestazione contrattuale che il medico è tenuto ad eseguire in forza di quell’accordo.

L’impegno richiesto al medico, nelle operazioni chirurgiche, sono diversi e maggiori rispetto a quelli solitamente richiesti all’uomo medio quando deve eseguire un obbligo contrattuale.

Il chirurgo si impegna con adeguata diligenza professionale quanto meno al raggiungimento di un determinato “miglioramento” estetico o delle condizioni di salute del paziente.

Il consenso informato ossia l’autorizzazione, data dal paziente, a ricevere un determinato trattamento medico sanitario, senza la quale l’attività del medico si configurerebbe, in generale, come illecita.

Inizialmente, anche sotto questo aspetto si era riservato un trattamento differenziato al chirurgo estetico tenuto a dare informazioni estremamente precise sull’esito dell’intervento.

Il chirurgo estetico ha l’obbligo di divulgare i rischi legati all’intervento richiesto affinché il paziente possa fare una scelta informata dell’intervento più adatto. i chirurghi estetici sono tenuti per legge a divulgare i rischi e la probabilità che questi si verifichino.

Rischi connessi alla negligenza durante la chirurgia plastica-estetica
Una serie di fattori può incrementare il rischio legato ad un intervento di chirurgia estetica errato fra i quali (e non solo):

Le aspettative non realistiche di un paziente sulla procedura
Mentre la chirurgia plastica può produrre risultati sorprendenti, le procedure sono spesso limitate nella loro capacità di generare gli specifici cambiamenti desiderati dal paziente.

D’altra parte i chirurghi plastici o estetici devono applicare le capacità necessarie a produrre i risultati che rispondano alle aspettative del paziente.

La scarsa salute fisica o emotiva del paziente nella fase pre-operatoria

Prima di sottoporsi ad un intervento di chirurgia plastica o estetica e’ importante che i pazienti godano di un’ottimo stato di salute fisico e emotivo.

L’assunzione di alcuni farmaci o integratori deve essere interrotta prima di un intervento dal momento che potrebbero incrementare il rischio di complicazioni.

E’ anche necessario che i pazienti esaminino attentamente le motivazioni che li hanno spinti a richiedere l’intervento ed abbiano aspettative realistiche dalla chirurgia estetica.

Per evitare i rischi associati ad una scarsa salute fisica o emotiva è importante che il chirurgo, in fase pre-operatoria, svolga appropriati esami che analizzino lo stato di salute del paziente e le ragioni della richiesta dell’intervento.

Intervento prolungato, interventi multipli o entrambi.

Un intervento prolungato e l’essere sottoposto ad interventi multipli può incrementare il rischio di complicazioni da intervento di chirurgia plastica o estetica.

L’inesperienza o un chirurgo non qualificato

La chirurgia plastica o estetica richiede un grado di conoscenza e abilità molto alti.

Per evitare questi rischi è importante sottoporsi alle cure di un medico qualificato riconosciuto dall’albo con una esperienza che permetta di eseguire l’intervento desiderato.

Prima di sottoporsi ad un intervento il paziente dovrebbe consultare vari chirurghi, fare molte domande ed essere sicuro e della scelta fatta.

Complicanze comuni ad interventi di chirurgia plastica che costituiscono le basi di una richiesta di risarcimento

Come già menzionato alcune complicazioni possono verificarsi con qualsiasi tipo di intervento di chirurgia plastica o estetica mentre altre sono specifiche all’intervento richiesto.

Di seguito un elenco dei rischi più comuni connessi alle tipologie più comuni di intervento di chirurgia plastica ed estetica:

Mastoplastica (additiva e riduttiva)

  • Deturpazione
  • Asimmetria
  • Danno ai tessuti od ai nervi
  • Misura errata della protesi (Mastoplastica additiva)
  • Cicatrici troppo evidenti
  • Infezioni
  • Perdite dall’impianto
  • Perdita del capezzolo o del derma del seno
  • Necessità di ulteriore intervento per correggere l’errore
  • Errori nell’esecuzione dell’anestesia
  • lesioni da sedazione prolungata
  • Encapsulizzazione (Mastoplastica additiva)

Rinosettoplastica (plastica al naso)

  • Problemi di respirazione
  • Forma o grandezza sbagliata
  • Necessità di ulteriore intervento per correggere l’errore
  • Errori nell’esecuzione dell’anestesia
  • Lesioni da sedazione prolungata

Liposuzione e addominoplastica

  • Coaguli sanguigni
  • Emorragia interna
  • Lesione o perforazione di organi o dell’intestino
  • Infezione
  • Edema o embolia polmonare
  • Errori nell’esecuzione dell’anestesia
  • Lesioni da sedazione prolungata
  • Overdose di lidocaina

Chirurgia plastica del viso

  • Lesione dei nervi
  • Danni alla pelle
  • Danni estetici
  • Lesione della palpebra
  • Infezione
  • Necessità di ulteriore intervento per correggere l’errore
  • Errori nell’esecuzione dell’anestesia
  • Eccessiva rimozione di tessuto
  • lesioni da sedazione prolungata
  • Occhi secchi/ incapacità di chiudere gli occhi

Blefaroplastica/Lifting agli occhi

Interventi non chirurgici

  • Perdita permanente della pigmentazione della pelle
  • Bruciature o cicatrici
  • Infezioni
  • Reazioni allergiche

Trapianto di capelli

  • Eruzioni cutanee
  • Perdita dei capelli
  • Cicatrici
  • Irregolarità della cute

Ottieni assistenza per ottenere il risarcimento danni

Nome Cognome *

Indirizzo

Città *

E-mail *

Telefono/Cell. *

Dettagliata descrizione caso *


Autorizzo privacy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *