Errore chirurgico – Alcuni casi di lesione subite durante un intervento chirurgico

Errore chirurgico – Alcuni casi di lesione subite durante un intervento chirurgico

Gli errori commessi in sala operatoria possono avere conseguenze molto gravi come la morte, gravi lesioni al cervello, lesioni al midollo spinale, lesioni di nervi, lesioni di vasi sanguigni o lesioni ad importanti organi.

Il chirurgo, nell’effettuare l’intervento chirurgico, deve adottare la massima prudenza e diligenza.

Nel caso in cui risulti, in seguito all’analisi della documentazione medica, che siano stati commessi errori a causa dei quali il paziente abbia riportato lesioni, il chirurgo e la struttura sanitaria saranno tenuti a risarcire al paziente il danno da lui subito.

Nel caso al chirurgo non siano attribuibili errori ma il paziente abbia ugualmente subito una lesione, il chirurgo sarà comunque tenuto a diagnosticare tempestivamente la lesione e ad a trattarla nella maniera più appropriata.

I medici, anche nel caso in cui non avessero commesso errori, potrebbero essere tenuti a risarcire il danno per non aver informato il paziente, attraverso il cosiddetto “consenso informato“, degli specifici rischi connessi all’intervento.

Ottieni assistenza per ottenere il risarcimento danni

Nome Cognome *

Indirizzo

Città *

E-mail *

Telefono/Cell. *

Dettagliata descrizione caso *


Autorizzo privacy

6 risposte a “Errore chirurgico – Alcuni casi di lesione subite durante un intervento chirurgico”

  1. Buonasera, vorrei sapere se possibile se è necessario lesionare il tendine o nervo del dito medio del piede dopo aver subito 2 interventi per asportazione del neuroma di Norton, ovviamente sotto il piede all’altezza del 3/4dito.
    Grazie

    1. Buonasera, per darle una risposta certa sarebbe necessario approfondire il caso per verificare se non c’erano alternative. Cordiali saluti

  2. il 26 marzo 2015 ho subito cistectomia presso rep Urologia del policlinico campus biomedico in Roma .Dopo 2 gg di nuovo in sala xkè avevano bucato l’intestino con conseguente posizionamento di stomia rimossa il 1 giugno.A settembre mi reco dal mio pneumologo. che mi aveva operato nel 2012 x k pokmonare e gli espongo il dolore che avevo al rene dx.Mi consiglia un urotac da dove si evince taglio dell’uretere bloccato con clip chirurgica.Ad ottobre faccio copia delle cartelle cliniche dove non si menziona la clip all’uretere.oggi sono monorene a causa della ostruzione dell’uretere a causa della clip, non comunicata dai medici ,nè esposta nelle cartelle cliniche

    1. Buonasera,
      se compila il modulo di richiesta assistenza provvederemo a contattarla per analizzare il suo caso e verificare se ci sono gli estremi per un risarcimento danni.
      Cordiali saluti

  3. operato al policlinico campus biomedico Roma di cistectomia il 24-03-2015,già il 27 rientravo in sala operatoria avendo riscontrato un buco nell’intestino con 2 gg di terapia intensiva e posizionamento di stomia che ho portato fino al 1-6.2015.Nel settembre 2015 mi recai per una visita pneumologoca essendo reduce da k polmonare e feci presente di un mio dolore ai reni.Fui consigliato ad effettuare un urotac da cui si evinceva che mi avevano intaccato l’uretere chiuso con clip metachirurgica.Alchè mi recai a fare copia delle cartelle cliniche ma il tutto non era riportato.A Novembre 2015 mi posizionarono una nefrostomia,poi uno stent uretrale in febbraio 2017 A maggio mi recai in ospedale perchèè l’urina puzzava e mi posero un catetere vescicale.In luglio mi recai per la rimozione dello stent,ma non fu possibile perchè il rene era pieno di pus.Da allora solo il 27-10 2017 hanno effettuato la nefrectomia con complicazioni di ascite epatica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *