Discectomia – Errore medico e risarcimento per malasanità

La discectomia è un intervento chirurgico che viene effettuato per risolvere un’ernia del disco.

In pratica consiste nella rimozione parziale o totale del disco intervertebrale che presenta danni dopo aver eliminato l’ernia a cui ha dato origine.

L’intervento è consigliato solo quando il paziente affetto da ernia del disco non risponde alle cure farmacologiche e fisioterapiche oppure quando i sintomi

avvertiti sono sempre più gravi come la perdita della sensibilità delle gambe e serie difficoltà nella deambulazione.

Il chirurgo effettua l’intervento in anestesia generale asportando la parte del

disco erniato per permettere al paziente di avere un recupero funzionale rapido.

Talvolta è necessaria l’asportazione di più materia fino alla rimozione completa del disco se risulta particolarmente compromesso.

In tal caso alla discectomia viene abbinato l’inserimento di una protesi fra le due vertebre interessate dall’intervento.

L’ernia del disco è una malattia assai comune che interessa sempre di più anche le persone molto giovani.

La fascia d’età più interessata dal problema è quella compresa fra i 30 e i 50 anni.

Il contenuto del disco intervertebrale è formato da un tessuto spugnoso che

viene mantenuto in quella posizione da un involucro rotondeggiante costituito da cartilagine.

Questo involucro però può deformarsi creando una fuoriuscita del nucleo morbido causando quella che viene chiamata in gergo medico ernia espulsa.

Se il contenuto del disco invade gli spazi attigui si parla invece di ernia migrata.

In questo caso specifico il nucleo arriva a toccare le radici nervose creando una situazione di irritazione che scatena tutti quei sintomi tipici proprio

dell’ernia del disco.

L’ernia del disco si verifica solo in particolari condizioni e spesso è provocata

da forti sollecitazioni a causa di lavori fisici particolarmente impegnativi

oppure a seguito di traumi che la colonna vertebrale può subire durante un’intensa attività fisica.

Anche l’abitudine ad assumere posture scorrette o a sollevare pesi nel modo

sbagliato, può avere come conseguenza l’insorgenza di una o più ernie del disco.

L’ernia può essere molto invalidante.

Quando la polpa del disco comprime le radici nervose del canale vertebrale la

persona interessata dal problema percepisce un dolore fortissimo che spesso gli impedisce di camminare o di stare in piedi.

Si aggiungono anche deficit sensitivi con una perdita parziale o totale della sensibilità degli arti inferiori.

Lo specialista, prima di diagnosticare con certezza la presenza di un’ernia del

disco, richiederà al paziente radiografie ma anche Tac oppure risonanza magnetica.

A volte per risolvere il problema è necessario ricorrere alla fisioterapia mirata e

a farmaci abbinati a periodi di riposo.

In altri casi non è possibile attenuare i sintomi se non si interviene con la discectomia.

I metodi di intervento principali sull’ernia del disco sono tre: la discectomia standard, la microdiscectomia endoscopica e quella tradizionale.

La discectomia standard prevede la messa a nudo del nucleo polposo

mediante l’apertura dell’osso per accedere al canale vertebrale e poter rimuovere la parte erniata.

La microdiscectomia tradizionale prevede la rimozione del materiale espulso dal disco e talvolta dell’intero disco con una penetrazione mediana.

È una tecnica simile alla discectomia classica ma consente di limitare al

massimo la zona di incisione e la zona di intervento riducendo i tempi di guarigione.

Durante l’intervento viene adoperato il microscopio.

La microdiscectomia endoscopica viene effettuata con l’endoscopio, ovvero

un tubo dotato di fibre ottiche collegate direttamente a fotocamere di ridottissime dimensioni.

Tutte e tre le tecniche vengono effettuate in anestesia generale.

Esistono altre tecniche di intervento ma vengono adoperate con meno frequenza come la discectomia laser e la coblazione discale.

La discectomia discale è una procedura chirurgica a medio rischio di complicanze.

Il rischio più alto è quello relativo all’emorragia e a seguire c’è il rischio di

infezione, la lesione di uno dei nervi attigui alla zona d’intervento o addirittura del midollo spinale.

Si possono verificare inoltre versamenti di liquido cefalo-rachidiano o si

possono verificare importanti lesioni ai vasi sanguigni sia davanti che dietro la colonna.

La colpa medica può consistere in importanti ritardi dell’intervento come

conseguenza di errori diagnostici ma può essere anche la conseguenza di

errori effettuati durante l’intervento o nel trattamento post chirurgico.

Gli errori medici che si verificano con maggior frequenza durante la

discectomia sono le lesioni ai nervi durante l’operazione e le lesioni delle

arterie o dei vasi sanguigni.

Durante l’operazione il medico erroneamente potrebbe rimuovere solo

parzialmente la parte erniata e il paziente di conseguenza non avrebbe risolto

il suo problema.

Si commettono errori anche durante l’inserimento del disco artificiale in

sostituzione di quello rimosso oppure talvolta si verificano importanti

omissioni nell’assistenza del paziente post operatoria; errori che per

quest’ultimo possono avere conseguenze molto pesanti.

La funzione motoria potrebbe risultare compromessa per sempre, si possono

verificare paralisi, tetraplegia, danni permanenti ai nervi e incontinenza urinaria.

Ottieni assistenza per ottenere il risarcimento danni

Nome Cognome *

Indirizzo

Città *

E-mail *

Telefono/Cell. *

Dettagliata descrizione caso *


Autorizzo privacy

Ti potrebbe interessare anche:

Danni da By-pass alle Coronarie

Ernia del disco – Errore medico per errato intervento o diagnosi

Infiltrazioni epidurali di steroidi – Benefici ed errori medici

Rachicentesi – Possibili errori del medico e risarcimento

Ascesso epidurale spinale – Danni per malasanità

Laminectomia – Errore medico per errato intervento

Cauda Equina – Trattamento, diagnosi errata ed errore medico

Epilessia – Danni per diagnosi errata o errato trattamento

Encefalite – Danni per diagnosi errata o errato trattamento

Chirurgia plastica del viso – Lifting

Risarcimenti-Online.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *